Addetto alle Risorse Umane: chi è, cosa fa

L’Addetto alle Risorse Umane: chi è, cosa fa

Chi è l’addetto alle risorse umane e quale attività svolge all’interno dell’azienda? Quali sono le competenze richieste? E’ necessario un titolo di studio particolare?

E’ importante conoscere il ruolo, le funzioni e quali competenze sono richieste a chi si occupa delle risorse umane all’interno delle aziende. Per capire le possibilità e gli sbocchi professionali che questa figura offre nel mercato del lavoro.

 

Quali competenze sono richieste?

Partiamo dal titolo di studio: va bene sicuramente la laurea in psicologia ma sono altrettanto valide anche altre lauree dell’area umanistica (con corsi di specializzazione o master).

Le lauree dell’ambito economico e giuridico (esempio economia o giurisprudenza) sono ugualmente adeguate proprio in considerazione dei compiti amministrativi che un addetto risorse umane può svolgere.

Oltre al titolo di studio però è importante possedere alcune competenze personali di tipo relazionale. Questo perchè chi si occupa di risorse umane spesso dovrà gestire relazioni aziendali sia interne che verso l’esterno. E fare in modo che queste relazioni siano gestite sempre al meglio.

Per cui: buona capacità di ascolto, di mediazione e di gestione dei conflitti sono le competenze di primo piano per chi ricopre questo ruolo in azienda.

 

Di cosa si occupa l’addetto risorse umane?

L’addetto alle risorse umane ha compiti anche complessi che riguardano la gestione del capitale umano della azienda. Gestire in modo efficace il personale rende una azienda sicuramente più produttiva e garantisce migliori performance complessive.

Chi lavora nell’ambito della direzione risorse umane, generalmente in affiancamento al Responsabile, svolge quindi attività di supporto e gestione del personale, registrando le presenze, le ore di lavoro e di ferie nonchè tutte le procedure connesse a queste attività.

Oltre a questo, l’addetto risorse umane può anche:

  • partecipare alla ricerca, selezione e inserimento del personale;
  • elaborare i profili dei candidati;
  • curare l’amministrazione del personale;
  • coordinare le attività formative, anche nel campo della salute e sicurezza sul lavoro;
  • gestire le relazioni sindacali;
  • agevolare le comunicazione tra le risorse interne all’azienda.

 

In quali aziende può lavorare?

L’addetto alla gestione delle risorse umane può lavorare come lavoratore dipendente, nelle aziende private, nelle agenzie di somministrazione, negli enti pubblici.

Ma può anche svolgere attività di consulenza esterna per aziende privati ed enti pubblici.